Domande più frequenti

Che cos'è l'adroterapia?

 
L’adroterapia è una forma particolare di radioterapia impiegata per la cura dei tumori. A differenza della radioterapia “convenzionale” che utilizza i raggi X, essa si avvale di fasci di particelle pesanti, dette adroni.
 
Grazie alle particolari proprietà fisiche che caratterizzano tali particelle l’adroterapia offre dei vantaggi potenziali rispetto alla “radioterapia convenzionale” sia in termini di precisione perché consente di “colpire” il tumore in modo estremamente selettivo, rilasciando una dose minore ai tessuti sani che lo circondano e riducendo di conseguenza gli effetti collaterali, sia in termini di una potenziale maggior efficacia biologica verso alcuni tipi di cellule tumorali tipicamente “radio resistenti”, vale a dire che non rispondono in maniera ottimale alla radioterapia con raggi X.
 

Come faccio a sapere se l’adroterapia è adeguata per curare la mia malattia?

 
È bene chiedere innanzitutto al/ai medico/i che hanno in cura il caso e quindi prendere contatto con il servizio medico CNAO: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Dal momento che l’adroterapia risparmia i tessuti sani e dà meno effetti collaterali, perché non è indicata al mio caso?

 
I fattori che condizionano la scelta per un trattamento con adroterapia sono legati essenzialmente al tipo di tumore e alla sua storia naturale, ovvero al suo comportamento evolutivo dal momento in cui si manifesta.
  • L’ “istotipo” o l’ “istologia del tumore”, ovvero il tipo di cellula sana da cui origina un tumore, è uno dei fattori più importanti, se non quello dirimente per una scelta elettiva del trattamento con adroni. Esistono tipi di tumore o “istotipi” che hanno una particolare capacità e velocità di crescita e, allo stesso tempo, di diffondersi ad altri organi rapidamente in maniera microscopica, quindi non visibile alle normali indagini diagnostiche. Questi tumori non beneficiano in primis di una terapia locale come l’adroterapia, bensì necessitano di un trattamento che prevenga la sua diffusione, quindi di un trattamento detto “sistemico”, ovvero un trattamento farmacologico.
  • La diffusione di malattia ad organi o tessuti diversi da quello di origine del tumore, la metastasi,  spesso rappresenta un criterio di non indicazione. Quando la malattia ha coinvolto altri organi diversi da quello d’origine, significa che le cellule tumorali si sono diffuse per via ematica e/o linfatica. In questi casi i trattamenti locali come la radioterapia o la chirurgia lasciano il posto a trattamenti sistemici che agiscono in modo diffuso.
  • Tumori radiosensibili. Esistono tumori che necessitano di dosi “basse” di radiazioni per far si che non si riproducano, ovvero per essere “curati”. Per tali tumori non è necessario effettuare trattamenti così sofisticati come l’adroterapia, dal momento che la radioterapia con raggi X ha un efficacia comprovata e allo stesso tempo non causa effetti collaterali rilevanti.

Perché il mio medico non mi ha parlato dell’adroterapia?

 
È possibile che il suo caso non sia adatto per un trattamento di adroterapia. Inoltre dato il suo recente ingresso nell’oncologia moderna, le indicazioni ad un trattamento con adroterapia non sono ancora consolidate.
 

In cosa consiste il trattamento? A quale procedura sarò sottoposto?

 
Come per la radioterapia con raggi X, anche l’adroterapia prevede la somministrazione di una dose totale di radiazioni adatta al tipo di tumore che s’intende curare. La dose stabilita sarà suddivisa in un numero di frazioni variabile che saranno somministrate al paziente quotidianamente.
 
Per la descrizione dettagliata della modalità di trattamento si rimanda alla sezione "AREA PAZIENTI - Percorso clinico".
 

Ci sono delle procedure preliminari?

 
Sì, come per la radioterapia convenzionale, anche per l’adroterapia ci sono le procedure di simulazione e di immobilizzazione si rimanda a trattamento "AREA PAZIENTI - Percorso clinico".
 
 

Quanto dura il trattamento?

 
Il numero delle sedute di adroterapia dipende dalla prescrizione, quindi dalla scelta del tipo di particella utilizzata, dalla dose totale e dal numero di frazioni in cui si ritiene necessario suddividerla.
 
Il numero dipende da molti fattori, tra cui la tipologia, le dimensioni e la sede del tumore. In generale si effettua un’ applicazione al giorno per cinque giorni alla settimana, per una durata da 2 a 8 settimane.
 

Quanto dura, in termini temporali, la singola seduta di trattamento con adroterapia?

 
La singola seduta di trattamento ha una durata media di circa 30 minuti. A parte il tempo dedicato all’immobilizzazione personalizzata e alla verifica del posizionamento, l’irraggiamento dura pochi minuti.
 

Il trattamento è doloroso?

 
No, non è in alcun modo doloroso. Durante la penetrazione attraverso i tessuti, le radiazioni non sono assolutamente percepite dal paziente.
 

È vero che non causa effetti collaterali?

 
Sebbene gli effetti collaterali siano nella maggior parte dei casi minori rispetto ai raggi X, la adroterapia non è completamente priva di tossicità.
 
Tali effetti collaterali dipendono sempre dalla dose e, soprattutto, dalla sede irradiata. Il distretto anatomico in cui è presente il tumore e i tessuti che esso coinvolge, inevitabilmente condizionano la presenza o meno di eventuali effetti collaterali.
 

Mentre si effettua il ciclo di terapia al CNAO si può stare vicino ai bambini?

 
Non ci sono controindicazioni a stare con i propri famigliari.
 

Come si fa a tenere immobile un bambino molto piccolo?

 
Può essere necessario per i pochi minuti dell’applicazione praticare una breve e leggera anestesia generale.
 

Come posso avere maggiori informazioni?

 
Per maggiori informazioni contattate il servizio medico: serviziomedico@cnao.it
 

Il trattamento con adroterapia in CNAO ha un costo?

 
A Dicembre 2013 la Regione Lombardia ha deliberato le tariffe di adroterapia all’interno del Sistema Sanitario Regionale, in attesa del riconoscimento delle stesse a livello a nazionale.
 
I trattamenti possono comunque essere erogati anche in regime di solvenza.
 

titolo-visite-guidate
 
La Fondazione CNAO organizza visite guidate per studenti di scuole superiori, università, enti di ricerca e organizzazioni scientifiche. Tra le missioni del CNAO, oltre alla cura dei pazienti, c'è anche l'educazione alla ricerca e all'innovazione, quale strumento efficace per interessare i giovani sulle loro professioni future.
 
simbolo VISITE GUIDATE
 
 
 
 
 
 
 
Come accedere ai trattamenti

Accedere Trattamenti2

 
PER RICHIEDERE LA VALUTAZIONE  PRELIMINARE DI UN CASO CLINICO CONSULTARE LA SEZIONE DEDICATA
 
ACCEDI AI TRATTAMENTI
 
Accedendo a questa sezione sarà possibile consultare le istruzioni per sottoporre il proprio caso clinico alla valutazione premininare da parte del nostro personale sanitario
 

 

icona arrivare  COME RAGGIUNGERCI

titolo-lavora-con-noi

Per proporsi alla Fondazione CNAO, sempre interessata a valutare figure professionali di elevata qualificazione, inviare il proprio curriculum all'indirizzo e-mail: cv@cnao.it

 
simbolo LAVORA CON NOI
titolo 3 domande a

Rubrica mensile di approfondimento  simbolo

3 punti di domanda

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato sulle attività della Fondazione CNAO.

 

simbolo medico

Sei un medico? Clicca qui per iscriverti alla newsletter a te dedicata.

  • 2.png5.png7.png7.png9.png0.png4.png
  • Web Traffic:
  • Today 1434
  • |
  • Yesterday 1318
  • |
  • This week 1434
  • |
  • Total 2577904
Iscriviti alla nostra Newsletter
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato sulle attività della Fondazione CNAO.

 

simbolo medico

Sei un medico? Clicca qui per iscriverti alla newsletter a te dedicata.